Buongiorno lettori! Dopo ore passate a pensare quale articolo pubblicare prima, oggi torno con un nuovo libro per questa rubrica, libro che ho approvato al 100%! E’ il diario di Cassandra, che sfoga le sue delusioni, senza sapere che la sua vita avrà una svolta improvvisa.

E voi tenete un diario?

Buona lettura 😉

 

Autrice: Di lei dice “Grafica, illustratrice, aspirante scrittrice, appassionata di life coaching e formazione, amo tutto ciò che sia attinente al mondo dell’arte e della comunicazione. La mia passione artistica mi ha portata negli anni a formarmi in ambiti diversi: mi sono qualificata come operatrice grafica pubblicitaria al liceo e continuato il percorso specializzandomi come graphic designer presso l’Accademia di Arti e Nuove Tecnologie. Successivamente mi sono formata come illustratrice presso la Scuola Internazionale di Comics; e, nella stessa scuola, ho frequentato seminari sul pensiero creativo, sul mondo del fumetto e sulla scrittura creativa. Collaborando come grafica presso il Centro Ricerche sulla Visione ho iniziato a realizzare nuovi progetti grafici, finalizzati allo sviluppo di sistemi compensativi per ragazzi con DSA; qui ho conosciuto un po’ meglio il mondo della scuola e della didattica, riscoprendo verso l’argomento una grandissima passione. Ed è proprio questa passione che mi ha portata, recentemente, ad intraprendere un nuovo percorso di formazione nell’ambito dell’intelligenza emotiva, tuttora in corso.”

Di cosa parla?: Questo è il diario di Cassandra, che dopo la rottura con il ragazzo Andrea decide di intraprendere un percorso di life coaching: è proprio grazie a questo che inizia a documentare le sue giornate. Inizialmente cerca di darsi forza per andare avanti, ma è davvero difficile non notare tutte le tracce che Andrea ha lasciato nella sua vita.. Fino a quando una sera, mentre era fuori ad una cena con gli amici, intravede un uomo che cattura la sua attenzione, Marco. Per una serie di coincidenze (o forse sarà stato il destino?) le vite dei due si incrociano più volte, e Cassandra capisce che è proprio arrivato il momento di dare una svolta alla propria vita, non solo a quella sentimentale ma anche a quella lavorativa, decidendo di partecipare ad un concorso che la porterà a rivoluzionare tutto il suo mondo.

Personaggi:

Cassandra: lei è la scrittrice del diario donna di 25 anni che disegna per una rivista di moda, quella che pagina dopo pagina ci regala un pezzetto della sua vita. Nelle prime pagine è stanca, triste, ma quello che mi piace di lei è che cerca sempre di restare positiva, anche quando un bel pianto non sarebbe stato per niente fuori luogo! Pian piano però riesce a rialzarsi e a darsi da sola la forza per andare avanti, capendo che certe volte è meglio farsi guidare dal proprio cuore che dal buonsenso.

Marco: è il suo sguardo, profondo, sicuro e malinconico allo stesso tempo, a colpire Cassandra. E’ lei quella che inizialmente è più propensa ad aproffondire la conoscenza, ma anche lui darà segno di essere interessato. Ha 35 anni, ed è forse questa differenza di età che li rende un po’ distanti: Cassandra si sente trascurata da lui, che pensa sempre al lavoro e non ha mai aperto completamente il suo cuore. Preferisco indubbiamente lui ad Andrea, anche se il suo atteggiamento è misterioso, e non sono riuscita a capirlo fino in fondo (così come la protagonista).

Andrea: è l’ex ragazzo di Cassandra, che la lascia dopo 7 anni di relazione per stare con la sua migliore amica (la migliore amica di Andrea, per intenderci). Ho sempre provato antipatia per questo personaggio, che dopo tutto quello che ha fatto ha anche il coraggio di tornare da Cassandra per cercare di recuperare il loro rapporto! Ma sappiate che Cassandra in questo punto del diario capisce veramente cosa vuole, e farà la decisione (secondo me) giusta… Ovviamente non voglio rivelarvi quale sarà la sua scelta 😉

Poi ci sarebbero le amiche di Cassandra, Federica e Asia, che le sono sempre state vicino, anche se effettivamente ildiario si concentra più sulla protagonista che su di loro.

Ecco a voi alcune citazioni del libro:

“…In quei pochi secondi sentivo il suo cuore battere al tempo del mio; allora l’ho stretto un po’ di più per evitare che quella sensazione fuggisse via, che lui potesse svanire con la stessa magia con cui è apparso nella mia vita…

 

…Mi piace pensare che tra due persone possa esistere un rapporto così, in cui ci si sceglie ogni giorno, in cui nulla è dato per scontato, in cui l’amore è un gioco quotidiano. In cui c’è il rispetto degli spazi e dell’amore per se stessi, prima di tutto..

 

… Ho capito a mie spese che la malinconia non scende a compromessi, che non esiste un modo per superare il dolore se non quello di andare avanti, di vivere nel presente; bisogna imparare ad amarsi per ciò che si è, anche se è doloroso, anche se farlo significa chiudere delle porte. Perchè amarsi vuol dire anche rispettarsi, smetterla di darsi per scontato. Ora lo so…

 

Come vi ho già detto, questo libro è assolutamente consigliato. Mi ha fatto tornare la voglia di scrivere nel mio amato diario, che per una cosa o l’altra dimentico sempre. Questo libro insegna che bisogna prima di tutto amare ed avere rispetto per sè stessi, come si può stare bene con gli altri se non siamo noi ad essere in sintonia con noi stessi prima di tutto?
Ma oltre a questo sono rimasta piacevolmente colpita dalle pazzesche illustrazioni di Chiara Topo: oltre ad essere stupende sono perfettamente in sintonia con il contenuto della pagine, e contribuiscono a rendere l’idea di un diario. Spero davvero abbiate l’occasione di leggerlo!

 

E voi avete un diario in cui scrivere? Fatemelo sapere nei commenti!

Grazie per aver letto 🙂

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*